Home » Focus del mese

Smartphone nelle scuole, si o no?

16 luglio 2018 Un commento

Smartphone nelle scuole, il pensiero dell’Italia a confronto con quello della Francia.

smartphone nelle scuole

L’opinione di Italia e Francia sull’uso dello smartphone nelle scuole non potrebbe essere più diversa. Secondo la Francia gli smartphone non dovranno essere usati in classe. Per l’Italia invece il divieto assoluto non rappresenta la soluzione al problema. L’argomento è senza dubbio attuale e anche molto delicato. Le visioni dei due Paesi sono diametralmente opposte.

La Francia ha iniziato a muovere i primi passi che porteranno verso un divieto totale degli smartphone nelle scuole. Questa disposizione è fortemente voluta da Emmanuel Macron che è tornato più volte sull’argomento. La strada per l’approvazione definitiva del divieto sembra essere ormai tutta in discesa. Una volta in vigore tale bando interesserà tutti gli strumenti di comunicazione e sarà quindi applicabile non solo a smartphone, ma anche a laptop, tablet e indossabili, smartwatch inclusi.

In ultima analisi però la decisione definitiva sull’applicazione del divieto spetterà agli enti locali, che potranno decidere in modo indipendente. Potranno ad esempio decidere di consentire l’impiego di dispositivi per scopi educativi.

In contrasto con quanto disposto dalla Francia troviamo l’approccio italiano, decisamente più morbido. L’Italia ha una grande tolleranza nei confronti dei dispositivi elettronici a scuola. Ai dispositivi in questione vengono attribuiti almeno due valori, uno legato all’apprendimento e l’altro legato all’educazione digitale e ad un uso consapevole di tale tecnologia.

Le due posizioni, quelle di Italia e Francia, possono essere entrambi interessanti sotto diversi punti di vista. La posizione ideale però potrebbe non essere in nessuna delle due soluzioni adottate, troppo morbide da parte dell’Italia e troppo rigide da parte della Francia.

La politica italiana sull’uso degli smartphone nelle scuole potrebbe subire variazioni qualora Marco Bussetti, neo ministro dell’istruzione decida di mettere mano alla disciplina odierna.

Scritto da Michele Bellotti

Un Commento »

  • Tabita Marchesi said:

    Ricevi il tuo prestito in 72 ore.
    Buongiorno,

    Offro prestiti che vanno da 1.000 euro a 5.000.000 euro a chiunque abbia bisogno di finanziamenti, in grado di rimborsare i pagamenti mensili a un tasso di interesse annuo fisso del 3%, per un periodo massimo di rimborso di 30 anni . Sei bloccato, bannato bancario e non hai il favore delle banche o meglio hai un progetto e hai bisogno di finanziamenti, un cattivo credito o hai bisogno di soldi per pagare le bollette, fondi per investire in società. Posso aiutarti nelle seguenti aree:

    – prestito personale
    – prestito auto
    – ipoteca
    – investimento
    – finanziamento
    – consolidamento del debito
    – riacquisto di credito
    – linea di credito

    Sono in grado di soddisfare i miei clienti entro 72 ore dalla ricezione della richiesta. Se hai bisogno di soldi, contattami direttamente sulla mia e-mail per conoscere le condizioni necessarie per ottenere il prestito.

    e-mail: tabmarchesi@gmail.com

Commenta!

Aggiungi qui sotto il tuo commento. E' possibile iscriversi al feed rss dei commenti.

Sono permessi i seguenti tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>