Home » E-Gov & Privacy

Facebook e le fake news

23 luglio 2018 Commenta

Facebook e la politica per la gestione delle fake news. Queste notizie non saranno cancellate, ecco perché.

fake newsIl ban delle fake news dai social e dal web non sempre sarebbe possibile. Questo è quanto sostenuto da Facebook e ribadito all’interno di un tweet ufficiale apparso online.

Vediamo pagine che rilanciano quello che loro considerano opinioni o analisi, ma che altri chiamano fake news… Crediamo che cancellare queste pagine potrebbe essere contrario ai principi base della libertà d’espressione“.

Secondo Facebook un intervento diretto contro le fake news e le pagine che le promuovono rappresenterebbe un attacco alla libertà di espressione dei propri utenti.

La posizione di Facebook potrebbe sembrare contraddittoria dato che ufficialmente ha dichiarato guerra alle fake news, arrivando a ribadire tale impegno durante un evento indetto a beneficio della stampa in quel di Manhattan. Durante l’evento Facebook ha ribadito il suo impegno contro le notizie false e la disinformazione in generale. A far notare la palese contraddizione con quanto dichiarato in precedenza ci ha pensato un giornalista della CNN, Oliver Darcy.

Il giornalista ha chiesto come mai la società non aveva ancora provveduto alla chiusura di una pagina ritenuta in prima linea nella diffusione di fake news, specie quelle riguardanti le varie teorie del complotto, pagina seguita da quasi 1 milione di utenti. La risposta di Facebook è stata molto chiara. La pagina in questione non avrebbe infranto alcuna regola del Social. Ecco la risposta del capo del news feed di Facebook, John Hegeman.

Facebook è stato creato come posto in cui persone diverse potessero aver voce. Ed editori diversi hanno punti di vista diversi“.

La lotta alle fake news continuerà ma Facebook nel valutare o meno la rimozione terrà conto dell’eventuale violazione della policy.

Scritto da Michele Bellotti

Commenta!

Aggiungi qui sotto il tuo commento. E' possibile iscriversi al feed rss dei commenti.

Sono permessi i seguenti tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>