Home » E-Gov & Privacy

Apple e Samsung, spiate da un chip cinese

8 ottobre 2018 Commenta

Samsung e Apple sarebbero state spiate grazie ad un chip cinese. Ecco le rivelazioni apparse su Bloomberg.

Apple

Bloomberg ha da poco pubblicato un report esclusivo che è stato capace di creare non poco scalpore. Il titolo dato al contenuto esclusivo è:”The Big Hack”. Secondo quanto rivelato dal noto servizio mondiale di news numerose aziende e agenzie americane, governative e non sarebbero state vittima di una operazione di hacking ad opera di una agenzia cinese esperta di spionaggio. Questa agenzia avrebbe nascosto all’interno delle schede madri per il mercato americano un minuscolo chip della dimensione di un grano di riso.

Sempre secondo quanto riportato su Bloomberg,  l’attacco sarebbe avvenuto tramite una società chiamata Super Micro Computer. Questa società rappresenta la principale fornitrice di schede madri. La Super Micro Computer appalta assemblaggio e costruzione delle schede a società cinesi. I suoi server vengono poi utilizzati in tutto il mondo.

A beneficiare di questi prodotti è stata anche una startup che si è specializzata nelle tecnologie relative alla compressione dei video. Questa società si chiama Elemental Technologies e sembra essere diventata un bersaglio importante delle spie cinesi, proprio per il fatto che i server Elemental sono stati utilizzati in passato dal Dipartimento della Difesa USA e della sezione che si occupano di droni e navi militari.

Bloomberg non si ferma a questi nomi e cita direttamente due colossi Amazon e Apple, che sarebbero caduti vittima di questo spionaggio. Le due società sarebbero già da alcuni anni a conoscenza di questo insidiosa problema e avrebbero già riferito la problematica all’FBI.

Il condizionale è ancora d’obbligo perché le aziende menzionate da Bloomberg, tra cui anche Apple,  hanno smentito ogni aspetto della vicenda. La parziale smentita è arrivata anche da esponenti del governo statunitense che pur volendo rimanere anonimi hanno messo in dubbio le affermazioni del portale di news.

Nelle prossime settimane potrebbero arrivare ulteriori rivelazioni.

Scritto da Michele Bellotti

Commenta!

Aggiungi qui sotto il tuo commento. E' possibile iscriversi al feed rss dei commenti.

Sono permessi i seguenti tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>