Home » Internet & Tecnologia

Windows 10: fermato il download forzato

11 settembre 2017 Commenta

Microsoft annuncia lo stop del download forzato per gli aggiornamenti. Ecco le motivazioni dietro questa scelta.

Windows 10

Le insistenti lamentele da parte degli utenti che duravano ormai da alcuni anni sembrano aver raggiunto il loro scopo, Microsoft ha annunciato che provvederà ad impedire il download automatico dei vari aggiornamenti su Windows 10. La richiesta, avanzata dagli utenti, specie da quelli con connessioni a consumo o particolarmente lente è stata infine accolta da Microsoft. A far smuovere le acque ha avuto un ruolo determinante una denuncia mossa con l’intento di tutelare i consumatori. Per il momento gli accordi sono stati accettati dalla divisione tedesca di Microsoft. Il download degli aggiornamenti potrà avvenire esclusivamente previa accettazione da parte dell’utente.

La questione era stata sollevata proprio in Germania nel 2016. Il colosso di Redmond era stato portato in tribunale da una associazione per la tutela dei consumatori. In quella occasione la controversia riguardava l’aggiornamento forzato a Windows 10 che obbligava l’utente ad un aggiornamento con download di 6GB. In quella particolare occasione oltre al download Microsoft forzava anche l’installazione dell’aggiornamento.

Stando agli ultimi aggiornamenti l’associazione tedesca coinvolta nel processo non intenderebbe procedere ulteriormente dato che Microsoft sembra avere accolto la richiesta avanzata.

La parte che maggiormente interessa gli utenti italiani riguarda una possibile estensione di questa nuova politica. Al momento non ci sono indicazioni in merito ad una possibile adozione per gli utenti italiani, ma secondo alcuni il cambiamento potrebbe interessare molto presto non solo la Germania ma tutti i Paesi in cui Microsoft opera.

L’azienda di Redmond ha tutto l’interessa nell’evitare denunce da parte delle associazioni dei consumatori.

 

Scritto da Michele Bellotti

Commenta!

Aggiungi qui sotto il tuo commento. E' possibile iscriversi al feed rss dei commenti.

Sono permessi i seguenti tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>