Home » Codice civile – Delle persone e della famiglia XIII

Codice civile – Delle persone e della famiglia XIII

Titolo XIII: Degli alimenti

Art. 433 Persone obbligate
All’obbligo di prestare gli alimenti sono tenuti, nell’ordine:
il coniuge;
i figli legittimi o legittimati o naturali o adottivi, e, in loro mancanza, i discendenti prossimi, anche naturali;
i genitori e, in loro mancanza, gli ascendenti prossimi, anche naturali; gli adottanti;
i generi e le nuore;
il suocero e la suocera;
i fratelli e le sorelle germani o unilaterali, con precedenza dei germani sugli unilaterali.

Art. 434 Cessazione dell’obbligo tra affini
L’obbligazione alimentare del suocero e della suocera e quella del genero e della nuora cessano:
quando la persona che ha diritto agli alimenti è passata a nuove nozze;
quando il coniuge, da cui deriva l’affinità, e i figli nati dalla sua unione con l’altro coniuge e i loro discendenti sono morti.

Art. 435 (abrogato)

Art. 436 Obbligo tra adottante e adottato
L’adottante deve (301) gli alimenti al figlio adottivo con precedenza sui genitori legittimi o naturali di lui.

Art. 437 Obbligo del donatario
Il donatario (769 e seguenti) è tenuto, con precedenza su ogni altro obbligato, a prestare gli alimenti al donante, a meno che si tratti di donazione fatta in riguardo di un matrimonio o di una donazione rimuneratoria (770. 785).

Art. 438 Misura degli alimenti
Gli alimenti possono essere chiesti solo da chi versa in istato di bisogno e non è in grado di provvedere al proprio mantenimento.
Essi devono essere assegnati in proporzione del bisogno di chi li domanda e delle condizioni economiche di chi deve somministrarli. Non devono tuttavia superare quanto sia necessario per la vita dell’alimentando (660, 1881), avuto però riguardo alla sua posizione sociale.
Il donatario non è tenuto oltre il valore della donazione tuttora esistente nel suo patrimonio.

Art. 439 Misura degli alimenti tra fratelli e sorelle
Tra fratelli e sorelle gli alimenti sono dovuti nella misura dello stretto necessario.
Possono comprendere anche le spese per l’educazione e l’istruzione se si tratta di minore.

Art. 440 Cessazione, riduzione e aumento
Se dopo l’assegnazione degli alimenti mutano le condizioni economiche di chi li somministra o di chi li riceve, l’autorità giudiziaria provvede per la cessazione, la riduzione o l’aumento, secondo le circostanze. Gli alimenti possono pure essere ridotti per la condotta disordinata o riprovevole dell’alimentato.
Se, dopo assegnati gli alimenti, consta che uno degli obbligati di grado anteriore è in condizione di poterli somministrare, l’autorità giudiziaria non può liberare l’obbligato di grado posteriore se non quando abbia imposto all’obbligato di grado anteriore di somministrare gli alimenti.

Art. 441 Concorso di obbligati
Se più persone sono obbligate nello stesso grado alla prestazione degli alimenti, tutte devono concorrere alla prestazione stessa, ciascuna in proporzione delle proprie condizioni economiche.
Se le persone chiamate in grado anteriore alla prestazione non sono in condizioni di sopportare l’onere in tutto o in parte, l’obbligazione stessa è posta in tutto o in parte a carico delle persone chiamate in grado posteriore.
Se gli obbligati non sono concordi sulla misura, sulla distribuzione e sul modo di somministrazione degli alimenti, provvede l’autorità giudiziaria secondo le circostanze.

Art. 442 Concorso di aventi diritto
Quando o più persone hanno diritto agli alimenti nei confronti di un medesimo obbligato, e questi non è in grado di provvedere ai bisogni di ciascuna di esse, l’autorità giudiziaria dà i provvedimenti opportuni, tenendo conto della prossimità della parentela e dei rispettivi bisogni, e anche della possibilità che taluno degli aventi diritto abbia di conseguire gli alimenti da obbligati di grado ulteriore.

Art. 443 Modo di somministrazione degli alimenti
Chi deve somministrare gli alimenti ha la scelta di adempiere questa obbligazione o mediante un assegno alimentare corrisposto in periodi anticipati (2948), o accogliendo e mantenendo nella propria casa colui che vi ha diritto.
L’autorità giudiziaria può però, secondo le circostanze, determinare il modo di somministrazione.
In caso di urgente necessità, l’autorità giudiziaria può altresì porre temporaneamente l’obbligazione degli alimenti a carico di uno solo tra quelli che vi sono obbligati, salvo il regresso verso gli altri.

Art. 444 Adempimento della prestazione alimentare
L’assegno alimentare prestato secondo le modalità stabilite non può essere nuovamente richiesto, qualunque uso l’alimentando ne abbia fatto.

Art. 445 Decorrenza degli alimenti
Gli alimenti sono dovuti dal giorno della domanda giudiziale o dal giorno della costituzione in mora dell’obbligato (1219), quando questa costituzione sia entro sei mesi seguita dalla domanda giudiziale (2948).

Art. 446 Assegno provvisorio
Finché non sono determinati definitivamente il modo e la misura degli alimenti, il pretore o presi dente del tribunale può, sentita l’altra parte, ordinare un assegno in via provvisoria ponendolo, nel caso di concorso di più obbligati, a carico anche di uno solo di essi, salvo il regresso verso gli altri.

Art. 447 Inammissibilità di cessione e di compensazione
Il credito alimentare non può essere ceduto (1260, 2751).
L’obbligo agli alimenti non può opporre all’altra parte la compensazione, neppure quando si tratta di prestazioni arretrate.

Art. 448 Cessazione per morte dell’obbligato
L’obbligo degli alimenti cessa con la morte dell’obbligato, anche se questi li ha somministrati in esecuzione di sentenza (50, 63).

353 Commenti »

  • Maria Leydi said:

    BENVENUTO: IL PRESTITO TRA SOGGETTI SERI E ONESTI ONLINE.
    Offerta di prestito tra privati ​​Prestito rapido per porre fine alle tue preoccupazioni in meno di 72 ore Sei bandito dalla tua banca e tutti i tuoi tentativi in ​​altri e altri istituti finanziari non hanno dato nulla finora a causa del tuo cattivo credito o di altri niente più preoccupazioni contattatemi e in meno di 72 ore ad un ragionevole tasso del 2% annuo e sui tempi di rimborso che più vi si addice vi faccio il prestito che vi salverà la vita. Per favore contattami via email: marialeydi06@gmail.com

  • Ezio Giuseppe De Lilla said:

    OFFERTA DI PRESTITO PERSONALE SPECIALE NATALIZIO
    Le feste di Natale sono propizie a tutti i tipi di spese: regali, pasti, viaggi vari… Si tratta di un periodo festivo, ma anche di un momento di stress per le famiglie a basso reddito. In media, un italiano sborsa un minimo di 50 € per bambino e di 100 € per adulto in regali di Natale. Mentre altre spese sono inoltre da prevedere!
    Per trascorrere delle feste magiche e davvero nello spirito del Natale, potete approfittare delle nostre offerte eccezionali. Il prestito personale rapido speciale Natale è una soluzione che consente di richiedere un prestito ottenendo una risposta rapida e con un rimborso a breve termine. In questo modo potrete assicurare, in tutta tranquillità, le spese previste.
    Mail: ezio.giuseppe10@gmail.com
    Whatsapp: (39) 348 611 1769

  • Ezio Giuseppe De Lilla said:

    OFFERTA DI PRESTITO PERSONALE SPECIALE NATALIZIO
    Le feste di Natale sono propizie a tutti i tipi di spese: regali, pasti, viaggi vari… Si tratta di un periodo festivo, ma anche di un momento di stress per le famiglie a basso reddito. In media, un italiano sborsa un minimo di 50 € per bambino e di 100 € per adulto in regali di Natale. Mentre altre spese sono inoltre da prevedere!
    Per trascorrere delle feste magiche e davvero nello spirito del Natale, potete approfittare delle nostre offerte eccezionali. Il prestito personale rapido speciale Natale è una soluzione che consente di richiedere un prestito ottenendo una risposta rapida e con un rimborso a breve termine. In questo modo potrete assicurare, in tutta tranquillità, le spese previste.
    Mail: ezio.giuseppe10@gmail.com
    Whatsapp: (+33) 07 5402 6294

Commenta!

Aggiungi qui sotto il tuo commento. E' possibile iscriversi al feed rss dei commenti.

Sono permessi i seguenti tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>