Home » E-Gov & Privacy

Dell, sospetto attacco hacker

5 dicembre 2018 Commenta

Dell ammette di avere subito un attacco hacker lo scorso novembre. Ecco tutti i dettagli ufficiali.

Dell

Attraverso una specifica nota pubblicata sul proprio sito Dell ha ammesso di aver subito un attacco hacker lo scorso 9 novembre. Al momento l’azienda ha già avviato le procedure per contrastare l’attività sospetta registrata sulla propria rete. L’attacco hacker, che sembra ormai confermato ha puntato ai dati sensibili degli utenti. Nello specifico gli hacker hanno manifestato il loro interesse nei confronti di indirizzi mail, nomi e password in hash. Al momento non sappiamo ancora se l’attacco hacker è riuscito a raggiungere il suo obiettivo. Dell ha voluto precisare che i dati relativi alle transazioni, come ad esempio quelli relativi alle credenziali delle carte di credito non sono stati intaccati.
L’azienda ha inoltre voluto precisare che al momento non esistono prove in grado di dimostrare la compromissione delle informazioni. Le parole usate all’interno del comunicato stampa ufficiale potrebbero però sembrare piuttosto sibilline. “Sebbene sia possibile che alcune di queste informazioni siano state rimosse dalla rete di Dell, le indagini non hanno trovato prove definitive che siano state trafugate“. Dell sembra ammettere il problema ma non la gravità della situazione. L’azienda ha voluto sottolineare che non esistono prove definitive del furto dei dati.
A  seguito del riscontro dell’attività sospetta, Dell ha affidato ad una società esperta di informatica il reset di tutte le password. Parlando della problematica a CNET, Dell ha ancora una volta cercato di sminuire il problema. “Dal momento che si tratta di una comunicazione volontaria e non ci sono prove definitive che siano stati trafugate informazioni degli account dei clienti, sarebbe imprudente pubblicare numeri quando potrebbero non esserci numeri da pubblicare“.

Scritto da Michele Bellotti

Commenta!

Aggiungi qui sotto il tuo commento. E' possibile iscriversi al feed rss dei commenti.

Sono permessi i seguenti tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>