Home » Aziende & Business

Huawei, grande successo nelle vendite

25 luglio 2018 Commenta

Huawei, stimate 200 milioni di unità venduta nel 2018. Per il 2019 si attende il sorpasso su Apple.

HuaweiSecondo i dati più recenti in nostro possesso e pubblicati da GFK ,Huawei ha raggiunto la prima posizione in Italia come azienda venditrice di smartphone. La scalata per l’azienda non sembra essere ancora finita. Secondo le stime confermate dalla stessa Huawei entro la fine del 2018 si conta di vendere 200 milioni di smartphone. Fino a luglio Huawei ha venduto 100 milioni di smartphone. L’obiettivo di raddoppiare entro la fine dell’anno non sembra poi così irraggiungibile.

In occasione della presentazione dei dispositivi per gli Emirati Arabi Uniti, Nova 3, il responsabile della divisione mobile Richard Yu Chengdong ha rivelato tutti i numeri e le grandi aspettative dell’azienda.

Una volta raggiunti questi traguardi l’azienda cinese sarà in grado di imporsi come seconda società a livello mondiale produttrice di smartphone. Se la crescita si manterrà costante e a questo ritmo anche per il 2019 Huawei arriverà a superare Apple, avvicinandosi a Samsung.

La società sembra contare molto sul sorpasso nei confronti di Apple. L’azienda cinese sembrava già ad un passo dal sorpasso lo scorso anno. I vertici Huawei sono convinti della continua crescita anche per il futuro, questo concetto risulta ben evidente dalla parole di Richard Yu.

In precedenza Huawei aveva raggiunto quota 100 milioni di consegne annue nel 2015 il 22 dicembre, nel 2016 il 14 ottobre e nel 2017 il 12 settembre… Visto che quest’anno abbiamo impiegato appena più di sei mesi per raggiungere questo traguardo, stiamo puntando ad arrivare a 200 milioni di unità consegnate entro la fine del 2018“.

Per agevolare le vendite Huawei provvederà a presentare i nuovi dispositivi della famiglia Mate. La presentazione arriverà in una data strategica, probabilmente nel terzo trimestre dell’anno, per contrastare il lancio da parte di Apple dei nuovi iPhone.

Scritto da Michele Bellotti

Commenta!

Aggiungi qui sotto il tuo commento. E' possibile iscriversi al feed rss dei commenti.

Sono permessi i seguenti tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>