Home » Aziende & Business

Samsung contro Apple, brevetti copiati

30 maggio 2018 Commenta

Samsung condannata a risarcire Apple per brevetti copiati. Ecco la cifra e tutti i dettagli.

AppleRicordando il design e le funzioni dei primi cellulari non possiamo fare a meno di notare le importanti evoluzioni avvenute nel corso degli anni. Una delle differenze che ormai diamo per scontata riguarda la presenza di una tastiera fisica, sostituita ora dagli schermi touch. Buona parte di questa rivoluzione è dipesa da Apple e dalla sua volontà di dare una importante spinta al mercato degli smartphone. Forte di questo bagaglio Apple ha voluto attaccare una società che si sarebbe appropriata indebitamente di tali tecnologie. Il bersaglio principale di queste azioni è senza dubbio Samsung, che ha un processo con la società di Cupertino aperto sin dal 2011.

Sono passati ormai sei anni dalla prima sentenza che imponeva a Samsung di versare un miliardo di dollari ad Apple come risarcimento danni per aver copiato i suoi brevetti. In questi giorni è stato espresso un nuovo verdetto, che ha ridimensionato la cifra in questione, riducendola a 538.6 milioni di dollari. Questa cifra riguarda la violazione di 5 brevetti e delle loro relative funzionalità. Il verdetto è stato votato all’unanimità dalla giuria e arriva dopo anni di appelli e ricorsi e dopo il diretto coinvolgimento delle Corte Suprema.

La cifra che Samsung dovrà pagare, pari a 538.6 milioni di dollari, sarà così suddivisa, 533.3 milioni di dollari per tre brevetti relativi al design degli smartphone e 5.3 milioni di dollari per altri due brevetti relativi alle funzioni.

La corte ha dato quindi ragione ad Apple, e ora Samsung dovrà versare la cifra.

Il commento di Apple sulla vicenda non ha tardato ad arrivare:  “È un dato di fatto che Samsung abbia copiato in modo sfacciato il nostro design. Siamo grati alla giuria per il loro servizio e siamo lieti che siano d’accordo sul fatto che Samsung debba pagare per aver copiato i nostri prodotti”.

Scritto da Michele Bellotti

Commenta!

Aggiungi qui sotto il tuo commento. E' possibile iscriversi al feed rss dei commenti.

Sono permessi i seguenti tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>