Home » E-Gov & Privacy

WhatsApp francese, più sicuro e nazionale

23 aprile 2018 Commenta

Francia, pronta a creare un WhatsApp personalizzato. Ecco le motivazioni dietro questa scelta.

WhatsAppLa Francia si sta attivando per creare un servizio alternativo a WhatsApp che sarà utilizzato da tutte le autorità governative, comprese quelle militari. Il servizio sarà sviluppato dando la priorità alla sicurezza. A Parigi le rassicurazioni di Mark Zuckerberg in merito alla privacy e al trattamento dei dati degli utenti non hanno ottenuto l’effetto sperato. Le autorità hanno deciso di avviare un nuovo progetto dal quale nascerà un sistema di messaggistica istantaneo che potrà essere definito “nazionale”. Tale servizio avrà l’obiettivo di sostituire altri servizi simili ritenuti poco sicuri.

Secondo il presidente Macron questa scelta non deve essere vista come una sorta di capriccio nazionalista della Francia. Il leader ha voluto ribadire che dietro a questa scelta si cela la sicurezza nazionale. Macron, che non ha fatto mistero della sua preferenza nei confronti di Telegram rispetto al rivale WhatsApp, ha sottolineato il fatto che la nazione necessita di una piattaforma sicura capace di aumentare ulteriormente il livello di criptazione end-to-end.

Alla base di questa scelta troviamo un fattore determinante, ossia che i server delle applicazioni prima menzionate, quali Telegram e WhatsApp, non si trovano fisicamente in suolo francese. Secondo il pensiero delle autorità di Parigi, questo non consente di avere un controllo completo sulla sicurezza degli utenti che utilizzano questi servizi.

L’idea di Macron e del suo team è quella di creare un’applicazione che può essere criptata direttamente in Francia, senza passare dagli USA o dalla Russia.

Del nuovo sistema, che risulta già in sviluppo si sa ancora molto poco. Una prima fase di test coinvolgerà oltre allo sviluppatore, anche alti funzionari e dirigenti, con l’obiettivo di valutarne l’effettivo livello di sicurezza.

Scritto da Michele Bellotti

Commenta!

Aggiungi qui sotto il tuo commento. E' possibile iscriversi al feed rss dei commenti.

Sono permessi i seguenti tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>