Home » Diritto & ICT

Cybersecurity, resoconto 2017

7 marzo 2018 Commenta

Cybersecurity, i dati relativi al 2017 rivelano una realtà preoccupante per la nostra sicurezza online.

cybersecurityCon la dodicesima edizione del Rapporto CLUSIT, che si occupa di monitorare la sicurezza ICT abbiamo una panoramica interessante dei principali incidenti informatici avvenuti nel 2017. Analizzando il rapporto scopriamo una realtà piuttosto preoccupante per quanto riguarda la cybersecurity. Risulta evidente un’intensificazione degli attacchi, sia per quanto riguarda la frequenza che per quanto riguarda la gravità.

Nel 2017 sono stati registrati a livello mondiale 1127 attacchi definiti gravi. Ovviamente sono solo quelli noti e che hanno avuto un impatto pesante sulle vittime, per quanto riguarda danni di immagine, perdita economiche e diffusione di dati sensibili. Di questi 1127 attacchi, il 21% è stato definito come critico. In questa cifra non sono inclusi gli attacchi che hanno causato danni più contenuti.

La prima edizione del Rapporto Clusit risale al 2011, da allora gli attacchi sono cresciuti del 240%. Sul 2016 l’aumento è stato del 7%. La nuova tendenza, registrata in modo chiaro nel 2017, vede un incremento degli attacchi anche nei confronti dei privati cittadini.

Un significativo resoconto dei punti salienti emersi da questo rapporto è stato rivelato dal  coordinatore dei lavori nonché membro del Comitato Direttivo Clusit, Andrea Zapparoli Manzoni.

Il 2017 è stato l’anno del trionfo del Malware, degli attacchi industrializzati realizzati su scala planetaria contro bersagli multipli e della definitiva discesa in campo degli Stati come attori di minacciaLa situazione che emerge dalla nostra analisi è molto preoccupante perché questo scenario prefigura concretamente l’eventualità di attacchi con impatti sistemici molto gravi”.

I danni causati dal cybercrime sono impressionanti. Si stimano danni pari a 500 miliardi di dollari, e l’interesse di quasi un miliardo di utenti nel 2017. Si stima che il danno causato ai privati cittadini si aggiri intorno a 80 miliardi di dollari. Quello della cybersecurity è un tema più che mai attuale.

Scritto da Michele Bellotti

Commenta!

Aggiungi qui sotto il tuo commento. E' possibile iscriversi al feed rss dei commenti.

Sono permessi i seguenti tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>