Home » Internet & Tecnologia

iPhone SE: Apple al lavoro sulla nuova generazione

21 agosto 2017 Commenta

iPhone SE di seconda generazione. Apple prepara i primi prototipi. Ecco tutti i dettagli.

iPhone SE

Secondo Apple i tempi sono ormai maturi per iniziare a produrre una nuova generazione, la seconda, di iPhone SE. Lo smartphone che ha riscosso un certo successo tra gli appassionati di Apple sarà venduto in una nuova veste rinnovata. Il motivo del successo di questo smartphone è da ricercare nelle sue dimensioni ridotte, in controtendenza rispetto all’andamento del mercato che sembra prediligere dispositivi dalle dimensioni sempre più abbondanti.

Forte di questo apprezzamento da parte del pubblico, Apple presenterà una seconda generazione di iPhone SE. Le caratteristiche che hanno reso famoso il dispositivo resteranno invariate. Ancora una volta troveremo un dispositivo con display da 4 pollici e con caratteristiche tecniche da top di gamma.

La notizia sembra arrivare da una fonte certa. Tutte le novità riguardanti l’arrivo dei nuovi iPhone SE sono state riportate da un noto sito taiwanese, il FocusTaiwan. Il sito rivela che Apple è già al lavoro sui prossimi iPhone SE.

Si vocifera con insistenza in merito alla presenza di SoC Apple A10, il che rappresenterà un notevole miglioramento rispetto all’attuale modello, equipaggiato con modello A9. Il dispositivo opererà con iOS 11 e sarà disponibile in tagli di memoria da 32 a 128GB, mantenendo invariata in questo caso l’attuale proposta. Sembra confermata la scelta del display da 4 pollici, ma anche in caso Apple dovesse decidere per un cambiamento delle dimensioni la differenza sarebbe comunque minima. Il dispositivo sarà animato da una batteria da 1700mAh.

Sembra che Apple abbia intenzione di spingere molto le vendite di iPhone SE nei Paesi in via di sviluppo, essendo un dispositivo capace di rispondere alle particolari esigenze di quelle zone.

Anche se non esiste una data ufficiale, l’arrivo della seconda generazione di iPhone SE è atteso per l’inizio del 2018.

 

Scritto da Michele Bellotti

Commenta!

Aggiungi qui sotto il tuo commento. E' possibile iscriversi al feed rss dei commenti.

Sono permessi i seguenti tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>