Home » Internet & Tecnologia

Galaxy Note 4: batterie a rischio

23 agosto 2017 Commenta

Un richiamo interessa le batteria di Galaxy Note 4. Ecco quali sono i rischi per gli utenti.

Galaxy Note 4I dispositivi della famiglia Galaxy Note sembrano riservare ancora brutte sorprese per Samsung e i suoi clienti. Negli ultimi giorni è stato avviato un richiamo che ha interessato almeno 10 mila batteria di Galaxy Note 4. Ancora una volta si è riscontrato un problema di surriscaldamento che potrebbe addirittura causare incendi e di conseguenza ustioni anche gravi. La situazione non è comunque grave come quella affrontata in passato con Galaxy Note 7.

Sembra che la colpa non sia attribuibile a Samsung. I dispositivi interessati dal richiamo della batteria sono quelli ricondizionati, nello specifico tramite il programma di assicurazione previsto dalla compagnia telefonica AT&T e gestito da FedEX Supply Chain. Secondo la notizia diffusa alcuni dei dispositivi ricondizionati sono stati equipaggiati con batterie difettose, e soggetto a surriscaldamento. Fortunatamente, a differenza di Note 7, Galaxy Note 4 ha una batteria sostituibile, di conseguenza il problema può essere risolto con la sostituzione della batteria.

Gli utenti, in attesa del richiamo possono continuare ad utilizzare il loro dispositivo provvedendo a sostituire la batteria. FedEx che al momento sta gestendo il richiamo, ha già provveduto ad iniziare ad inviare le batterie sostitutive.

Samsung ha voluto sottolineare la propria estraneità alla vicenda. E lo ha fatto con una nota ufficiale che riportiamo a conclusione di questo articolo.

FedEx Supply Chain sta conducendo questo richiamo su batterie Samsung non genuine visto che alcune di queste sono contraffatte… Questo programma di riparazione è stato gestito da FedEx Supply Chain e operato in maniera esterna da Samsung. Tutti gli utenti coinvolti dovrebbero contattare FedEx Supply Chain o recarsi al sito www.exchangebattery.com per ottenere ulteriori informazioni in materia”.

Scritto da Michele Bellotti

Commenta!

Aggiungi qui sotto il tuo commento. E' possibile iscriversi al feed rss dei commenti.

Sono permessi i seguenti tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>