Home » Internet & Tecnologia

Truffe online, riconoscerle per difendersi

11 febbraio 2014 Commenta

truffe online

Nell’ultimo periodo pare che i tentativi di truffe online siano aumentati in maniera esponenziale. Le nostre caselle email sono sempre più intasate da decine e decine di messaggi di spam pubblicitario. Bisogna dire che lo spam, è proprio il minore dei mali, perché tra queste mail ricevute si nascondono anche delle vere e proprie truffe.

Come si possono riconoscere questi tentativi di frode?
Innanzitutto bisogna capire il modus operandi del truffatore.
Attraverso una tecnica conosciuta come phishing potrebbe cercare di carpire i nostri dati personali relativi a carta di credito o conto corrente.
Il phishing in genere è insidioso perché la mail ricevuta simulerà il contenuto di siti ufficiali al fine di farci inserire i nostri dati che resterebbero cosi memorizzati nel sito contraffatto.

In alcuni casi la mail truffaldina potrebbe contenere dei file da scaricare. Questi non dovrebbero essere mai scaricati sul nostro PC, perché molto probabilmente si tratta di virus o di un keylogger.
I keylogger sono programmi in grado di registrare tutte le nostre azioni sul PC, ogni movimento del mouse e tutto quello che digitiamo sulla tastiera.

I messaggi di questo tipo hanno spesso un tono perentorio oppure contengono notizie allarmanti del tipo:“Il tuo conto online è stato bloccato”, oppure “La tua carta è bloccata” e via dicendo.
Assicuratevi sempre dell’origine del messaggio. Non seguite mai i link contenuti nella mail, ma nel caso vogliate controllare la realtà dei fatti cercate il sito web della vostra carta di credito o della banca usando Google.

Un esempio pratico ci arriva da quanto accaduto alcune settimane fa. Molti utenti si sono visti recapitare una mail marchiata Carrefour, una nota catena di supermercati.
La mail invitava a fornire dati personali in cambio di un buono sconto del valore di 500 euro spendibile presso il supermercato. Inutile dire che si trattava di una truffa.

In questo campo la prudenza non è mai troppa. Se doveste ricevere delle e-mail dal contenuto sospetto non lasciatevi disorientare, verificate l’attendibilità delle informazioni facendo una ricerca nel Web.

Scritto da Michele Bellotti

Commenta!

Aggiungi qui sotto il tuo commento. E' possibile iscriversi al feed rss dei commenti.

Sono permessi i seguenti tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>