Home » Aziende & Business

Microsoft: ulteriori licenziamenti in vista

5 luglio 2017 Commenta

Il riassetto organizzativo di Microsoft non è ancora terminato. Si attendono ulteriori licenziamenti entro i prossimi mesi.

microsoftIl processo di riassetto organizzativo di Microsoft è ancora in corso. Nonostante negli scorsi mesi Microsoft abbia già dato una sfoltita al suo personale, l’ondata di licenziamenti non sembra essere ancora terminata. Stando alle più recenti notizie riportate da TechCrunch, il colosso di Redmond sarebbe in procinto di licenziare migliaia di dipendenti, con lo scopo di riorganizzare la forza lavoro impiegata nell’ambito delle vendite.

La fonte citata dal portale è rimasta anonima, ma è ritenuta affidabile, in quanto si tratterebbe di una fonte interna e quindi ben informata.

Da parte di Microsoft non sono arrivate conferme, ma nemmeno smentite. L’annuncio ufficiale del riassetto organizzativo è atteso già entro la prossima settimana. Quella di TechCrunch non è l’unica voce a parlare di questa riorganizzazione. La notizia è apparsa anche su Bloomberg, The Seattle Times e altre testate importanti. Bloomberg  si è spinto ancora più in là sostenendo che si tratterà di un numero di licenziamenti mai visti prima nel settore vendite di Microsoft.

Queste nuove politiche sembrano essere il risultato di un cambio ai vertici dell’azienda. La divisione vendite è diventata di competenza di Jean-Philippe Courtois e Judson Althoff, dopo l’abbandono di Kevin Turner  avvenuta durante l’estate 2016.

Questo periodo, che coincide con la chiusura dell’anno fiscale di Microsoft, ha da sempre coinciso con annunci relativi al taglio di personale. Per il 2017 i tagli saranno molto più corposi. In un certo senso sembra ricordare quanto già accaduto nell’estate del 2015, con il licenziamento di 7800 dipendenti. In quel caso i licenziamenti erano dipesi dall’acquisizione della divisione mobile di Nokia.

Scritto da Michele Bellotti

Commenta!

Aggiungi qui sotto il tuo commento. E' possibile iscriversi al feed rss dei commenti.

Sono permessi i seguenti tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>