Home » Poker & Skill games

Solitario di Windows: l’intervista all’inventore

20 aprile 2017 Commenta

Il solitario di Windows è diventato uno dei giochi più famosi. Ecco svelato il nome di chi lo ha inventato.

solitario di windows

Uno dei giochi più famosi è senza dubbio il solitario di Windows. Il gioco di carte diventato celebre grazie alla diffusione di Windows ha compiuto 27 anni. Sono infatti passati molti anni dall’ormai lontano 1990. In quell’anno il solitario di Windows faceva la sua comparsa nella versione 3.0 del sistema operativo.

Pur avendo giocato a solitario almeno una volta nella vita, molti non sanno la vera storia dietro il programma. In realtà l’inventore di questo adattamento digitale è Wes Cherry. Nel 1988 Cherry svolgeva il suo ruolo di stagista in Microsoft. Nei momenti morti e noiosi lo stagista non ha perso tempo ideando quello sarebbe diventato uno dei giochi più conosciuti e apprezzati negli anni successivi.

In una recente intervista Wes Cherry ha spiegato cosa lo ha portato a realizzare questa idea. Senza mezzi termini l’ex stagista ha menzionato come primo fattore scatenante la noia che provava. Realizzare quel tipo di gioco, che potrebbe sembrare all’apparenza semplice ha richiesto uno sforzo non indifferente dato che all’epoca non esistevano molti giochi. Questo ha richiesto di creare un codice da zero.

Il gioco, con le sue regole, la sua interfaccia e la pioggia finale di carte in caso di vittoria ha convinto sin da subito Bill Gates. Da questa approvazione al diventare il punto fermo di tutte le versioni Windows il passo è stato molto breve. Il solitario di Windows si è rivelato particolarmente utile anche per far comprendere l’intero significato del funzionamento del sistema operativo. Consentiva agli utenti di imparare ad utilizzare il mouse nel modo corretto.

Wes Cherry ha inoltre ricordato che per la creazione del solitario di Windows non ha mai ricevuto alcuna retribuzione.

Scritto da Michele Bellotti

Commenta!

Aggiungi qui sotto il tuo commento. E' possibile iscriversi al feed rss dei commenti.

Sono permessi i seguenti tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>