Home » Internet & Tecnologia

Messaggi Android: la nuova App di Google

6 marzo 2017 Commenta

Google abbandona Messenger in favore di Messaggi Android, la nuova app di messaggi

Messaggi AndroidNon si tratta di un cambiamento sostanzioso, ma sembra che la novità riguardi principalmente il nome dell’app di messaggi di Google. L’applicazione Messenger, utile per lo scambio di messaggi tra gli utenti, cambia nome. L’app, già disponibile su Play Store a beneficio di tutti i dispositivi Android, si chiamerà da ora in poi “Messaggi Android“.

Il cambio del nome sembra voler porre fine alla confusione creata dall’assonanza con un’altra celebre App prodotta da Facebook.

Anche se la novità più evidente riguarda il nome, la nuova app comporterà dei cambiamenti nelle abitudini degli utenti. A partire dalla versione 2.1.161 si avrà un accesso più semplice alle varie funzioni avanzate. Tra le varie modifiche alcune comportano miglioramenti alla piattaforma e la risoluzione di problemi riscontrati nelle precedenti versioni.

L’aggiornamento della piattaforma consentirà d’ora in poi lo scambio di contenuti multimediali tra gli utenti. Messaggi Android non si limiterà quindi al solo scambio di SMS. Google ha già iniziato a promuovere la nuova applicazione, stringendo accordi con alcune aziende produttrici di smartphone così da rendere Messaggi Android una applicazione predefinita all’interno dei loro dispositivi.

La compatibilità della nuova applicazione Messaggi Android si estende anche a tutti gli smartwatch che utilizzano il sistema operativo Android Wear. Anche da smartwatch sarà possibile visualizzare i contenuti multimediali ricevuti. Questa funzione potrebbe prestarsi ad ulteriori interessanti applicazioni in futuro. Come per Messenger, la nuova app è gratuita e già scaricabile da Play Store Google. Resta da vedere se le novità comporteranno ulteriori benefici in termini di nuovi download.

Scritto da Michele Bellotti

Commenta!

Aggiungi qui sotto il tuo commento. E' possibile iscriversi al feed rss dei commenti.

Sono permessi i seguenti tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>