Home » E-Gov & Privacy

Lo smartphone del Presidente USA

26 gennaio 2017 Commenta

Il Presidente degli Stati Uniti ha uno smartphone speciale. Ecco cosa sappiamo di questo dispositivo super blindato.

smartphone Donald TrumpRispettando una delle regole vigenti in ambito di sicurezza, il neo Presidente degli Stati Uniti d’America Donald Trump ha dovuto rinunciare al suo smartphone personale. Questa regola è di fondamentale importanza per proteggere la privacy di uno degli uomini più potenti della terra. Il cyber-spionaggio rappresenta uno dei maggiori rischi per gli uomini politici dei nostri giorni. Le limitazioni imposte al dispositivo utilizzato dal Presidente degli Stati Uniti sono molte. Azioni svolte tramite il nostro smartphone che ormai fanno parte della nostra quotidianità sono vietate al Presidente, come ad esempio connettersi ad Internet dal suo dispositivo.

Lo smartphone personale di Donald Trump è stato sostituito con un modello blindato, come rivelato dal New York Times. Non sono stati forniti dettagli esaustivi di questo smartphone super sicuro ma sempre dal New York Times comprendiamo che si tratta di un “dispositivo sicuro e crittografato approvato dai servizi segreti con un nuovo numero telefonico che conoscono solamente in pochi”.

Secondo alcune indiscrezioni Trump non avrebbe accettato di buon grado l’imposizione di questo cambiamento. Con tutta probabilità il modello dato in consegna al Presidente è un Samsung Galaxy S4. In realtà del Galaxy S4 avrebbe unicamente la struttura, a motivo delle sostanziali modifiche effettuate dai servizi segreti USA.

A onor del vero la definizione smartphone sembra fuori luogo, dato che tale dispositivo non è in grado di effettuare chiamate, inviare messaggi, scattare fotografie, riprodurre musica o utilizzare app di terze parti. Le uniche applicazioni funzionanti sono quelle approvate dalla Defense Information Systems Agency.

Scritto da Michele Bellotti

Commenta!

Aggiungi qui sotto il tuo commento. E' possibile iscriversi al feed rss dei commenti.

Sono permessi i seguenti tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>