Home » E-Gov & Privacy

Yahoo sotto attacco: un miliardo di account violati

19 dicembre 2016 Commenta

Yahoo ha ammesso di aver subito un attacco. Sono stati violati un miliardo di account.

yahooYahoo è ancora una volta nell’occhio del ciclone. Nel mese di settembre Yahoo aveva ammesso di aver  subito un attacco hacker due anni fa. Quell’attacco aveva colpito 500 milioni di account causandone la compromissione. Il 14 dicembre Yahoo ha annunciato di aver subito un nuovo più recente e più grave attacco. In questa occasione gli account presi di mira sono stati oltre un miliardo. Questa cifra rende l’attacco svelato nelle scorse settimane come il più grave degli ultimi tempi. La notizia è arrivata direttamente da Bob Lord, Ciso del gruppo, che ha rivelato anche la data presunta di questo attacco che sembra risalire al 2013. Yahoo ha da poco preso coscienza di questo massiccio attacco che non sembra avere alcuna relazione con l’altro attacco di settembre. Stando alle prime stime fornite, tra i vari account compromessi ci sarebbero anche account legati all’esercito e all’amministrazione USA.

Le informazioni compromesse includono tutti i dati degli utenti, tra cui nomi, password crittografate, indirizzi email, nomi, date di nascita e numeri di telefono. Bob Lord ha voluto precisare che: “Carte e coordinate bancarie non sono conservati nei sistemi colpiti”.

Gli hacker coinvolti nell’attacco però non si sono limitati ad impossessarsi di questi dati ma hanno anche creato dei cookie in grado di accedere agli account senza bisogno di conoscere la password, agendo direttamente sul codice di Yahoo. Dal canto suo Yahoo si sta attivando per avvisare i proprietari degli account compromessi invitandoli ad eliminare i cookie corrotti.

Queste ultime rivelazioni concludono per Yahoo un anno che si è rivelato disastroso.

Scritto da Michele Bellotti

Commenta!

Aggiungi qui sotto il tuo commento. E' possibile iscriversi al feed rss dei commenti.

Sono permessi i seguenti tags:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>